La Terapia di Gruppo

Perché una terapia di gruppo?

Tantissime volte mi capita di rispondere a questa domanda. La risposta più immematissediata è perché tutto quello che facciamo noi lo facciamo in relazione ad altri (che siano realmente esterni a noi o che sia in relazione alle figure che abbiamo interiorizzato dentro di noi). Ci relazioniamo con nostra moglie o nostro marito, con i colleghi di lavoro, con gli insegnamenti di Mamma e Papà che sono radicati dentro di noi e ci fanno comportare in quel determinato modo, con i nostri figli, etc..

Il gruppo di terapia permette di lavorare quindi su sé stessi in un modo molto più naturale, ossia mentre siamo in relazione. Permette di fare in contemporanea due cose: vivere le relazioni e in contemporanea analizzarle e cambiarle. E’ un modo molto naturale di cambiare, è la stessa cosa che facciamo ad esempio quando impariamo ad andare in bicicletta: si corregge e si impara mentre si è in sella, non a tavolino parlandone.

In cosa consiste la terapia di gruppo?

Vari teorici e psicoterapeuti del passato e del presente (es Napolitani 1984) hanno sposato la classificazione delle terapie di gruppo in tre grandi tipologie:

  • terapia in gruppo: a turno ciascun cliente prende il suo spazio per lavorare con il terapeuta davanti agli altri
  • terapia di gruppo propriamente detta: in cui si lavora tutti insieme attraverso dinamiche proposte dal terapeuta
  • terapia relazionale: in cui si lavora su quello che accade nel qui ed ora del gruppo e delle relazioni e dinamiche che costantemente variano da attimo ad attimo.

Nei gruppi di terapia che seguo vengono usate a seconda del momento e dello scopo prefissato tutte e 3 le dinamiche suddette.

Quali sono i vantaggi della terapia di gruppo?

Il vantaggio principale è che le dinamiche che emergono in gruppo permettono di accelerare i processi. Nel gruppo è più difficile “nascondersi”. E’ facile che il gruppo stimoli e tocchi proprio quei lati che, nella vita quotidiana, ci creano problemi e che vorremmo cambiare di noi.

Il gruppo poi è una palestra dove misurarsi nelle nuove abilità acquisite ed è uno spazio in cui sperimentare, purtroppo per alcuni per la prima volta, cosa vuol dire essere accolti, appartenere, ricevere feedback e, soprattutto, sperimentare come ci si sente ad andare bene così come si è.

Il gruppo infine è un modo più economico della terapia individuale per poter lavorare su di sé.

Quali sono gli svantaggi della terapia di gruppo?

Lo svantaggio principale, che poi tanto svantaggio non è, è che nel gruppo, così come nella vita al di fuori della terapia, bisogna ritagliarsi il proprio spazio. Nella terapia individuale il rapporto 1 a 1 con il terapeuta permette di avere costantemente i riflettori puntati su di sé. Nel gruppo ciò non accade ma questo è quello che accade nella vita comune. Le eventuali difficoltà nel fare ciò diventano esse stesso motivo di osservazione e spunto per un cambiamento.

Ma nel gruppo ci sono tutte persone con lo stesso tipo di problema?

Questa domanda nasce spesso dalla idea che i gruppi di terapia siano come i gruppi degli alcolisti anonimi e dall’idea che se non si lavora tutti sulla stessa cosa allora non serve.

Moltissimi grandi terapeuti del passato si sono posti la domanda su come dovrebbero essere composti i gruppi di terapia. Berne, padre della Analisi Transazionale, è giunto alla risposta che, con alcune piccole attenzioni, un gruppo è tanto più efficace e “potente” quanto più è vario ed eterogeneo. Il gruppo così diventa un sistema, un mondo in miniatura in cui abbiamo modo di allenarci a varie situazioni diverse e non in modo troppo specifico su un solo aspetto.

Va poi fatta un’aggiunta: la cosa che spesso stupisce chi vive questa esperienza è che ascoltare un altra persona parlare di problemi suoi che io magari non ho neanche mai pensato di avere è comunque un modo di lavorare su sé stessi e un’occasione di crescita a volte ancora più forte che non parlarne direttamente in prima persona.

Perché dovrei provare?

Perché sei curioso/a di vedere di cosa si tratta, perché vuoi cambiare qualcosa nelle tue relazioni, perché vorresti fare una terapia ma non riesci a permetterti una terapia individuale, perché vuoi vivere un’esperienza che non solo ti farà cambiare ma ti permetterà di vivere un qualcosa di unico che ti porterai avanti per tutta la tua vita.

 

 

Un pensiero su “La Terapia di Gruppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *