COSA E’ L’ANALISI TRANSAZIONALE

Eric BerneL’A.T., fondata da Eric Berne, si basa sull’analisi delle “transazioni”, ossia, sull’osservazione delle manifestazioni esterne del rapporto sociale. Si ha una transazione quando, da uno stimolo transazionale di un individuo X (una frase, un gesto, un’espressione del volto, un’azione) viene sollecitata una risposta transazionale di un altro individuo Y; risposta che diventa a sua volta stimolo per X, la cui ulteriore risposta diventa nuovo stimolo per Y. In questo modo si innesca una catena: L’A.T. si occupa dell’analisi di questa catena ed in particolare della sua programmazione: una volta iniziata la catena, conoscendo le caratteristiche di personalità dei soggetti interessati al rapporto sociale, ne risulta una sequenza in gran parte prevedibile.
A partire da questo si è arrivati a definire una Teoria della personalità (il modello degli Stati dell’Io ossia come funzioniamo e come esprimiamo la nostra personalità in termini di comportamento), una Teoria della comunicazione (utile per analizzare sistemi e organizzazioni, es famiglie e gruppi), una Teoria dello sviluppo infantile (che permette di dare una spiegazione all’origine di certi schemi di vita attuali) e una Teoria della psicopatologia (utile per comprendere come riproponiamo strategie infantili anche quando generano risultati autolesionisti o dolorosi e come modificarle)

ASSUNTI BASE DELL’ANALISI TRANSAZIONALE

Di seguito elenco i 3 Assunti Filosofici dell’Analisi Transazionale che caratterizzano il modello e il mio modo di lavorare con le persone:

  1. ogni individuo è ok (va bene così com’è): le persone sono uguali tra loro ed ognuna ha valore in quanto persona, indipendentemente dalla sua razza e dal suo contesto socio-culturale
  2. ogni persona ha la capacità di pensare e di autodeterminarsi: ognuno può decidere che cosa fare della propria vita ed ha la capacità di crescere e di imparare qualunque esperienza abbia avuto anche negativa;
  3. le decisioni prese possono essere modificate: ciascuna persona prende delle decisioni e ne è responsabile, ed è anche responsabile di cambiarle quando non sono più funzionali.